Miele di Tarassaco-Az. Agricola I'j Travaj

info@ijtravaj.it

Miele di Tarassaco


Il miele di tarassaco, è un miele “precoce”.
Il fiore da cui viene ricavato il nettare, conosciuto anche come dente di leone, sboccia proprio a inizio primavera, colorando campi e prati del tipico colore giallo vivo.

Il miele di tarassaco ha molte caratteristiche peculiari, ma non è così facile da ottenere.
Il tarassaco è una pianta erbacea perenne che cresce spontaneamente in zone pianeggianti e montuose, fino ai
2000 metri di altezza. Le foglie hanno proprietà depurative e stimolano l’attività epatica, mentre la radice è usata
come diuretico e, tostata, come surrogato del caffè. Il fiore sboccia proprio all’inizio del periodo primaverile. Questo
rende particolarmente difficile la produzione di un miele di tarassaco mono-floreale. L’apicoltore, infatti, per ottenerlo
deve avere delle api che hanno svernato bene, forti e quindi pronte alla raccolta appena appaiono i primi fiori.

Il miele di tarassaco presenta il tipico colore giallo vivo.
Solo se mischiato al miele di salice, per esempio, assume una colorazione più tendente al beige.
Ha una cristallizzazione particolarmente veloce e molto spesso si verifica con cristalli piuttosto fini.
Sia all’odore che al gusto si rivela intenso, in bocca molto persistente.

Una particolarità che permette di riconoscere immediatamente questo miele è il suo odore molto forte, pungente, penetrante, molto spesso descritto come ammoniacale.
A ciò, tuttavia, corrisponde un sapore che ricorda l’infuso di camomilla o, addirittura, il gusto delle caramelle a base di oli essenziali.

Le proprietà peculiari di questo miele sono sicuramente quelle diuretiche, depurative e drenanti.
È per questo che molto spesso viene inserito all’interno di diete purificanti o utilizzato per cure che mirano all’eliminazione delle tossine dal nostro organismo.
Buon depurativo per tutto il nostro corpo, viene indicato particolarmente per la depurazione dei reni.
Importante, così come per tutte le tipologie di miele, è consumarlo grezzo, non sottoposto a lavorazioni che lo privano delle sue preziose qualità.